Cosa fare dopo la vendita di una casa? Spiega I-VEO.

Cosa fare dopo la vendita di una casa? Spiega I-VEO.

Una volta firmato l'atto di compravendita davanti a un notaio, è necessario espletare alcune procedure successive, come il pagamento delle imposte, la presentazione del documento nei Pubblici Registri o la comunicazione del passaggio di proprietà dell'immobile.
 

  1. Tasse e spese

Una persona residente in Spagna che mette in vendita il proprio immobile, a un prezzo superiore a quello a cui è stato acquistato, dovrà pagare l'imposta sul reddito delle persone fisiche. L'Agenzia delle Entrate ritiene che la vendita di un immobile rappresenti una plusvalenza e, come tale, debba essere inclusa nella dichiarazione dei redditi. La percentuale di Irpef da pagare dipende dall'importo della plusvalenza, il massimo che dovrà essere tassato sarà del 23% che rappresenta un guadagno di oltre 50.000 euro. 

Un'altra imposta che deve essere pagata è l'imposta comunale sulle plusvalenze, o imposta sull'aumento del valore dei terreni urbani. Si tratta di un'imposta che deve essere pagata presso il Municipio in cui è registrato l'immobile. La percentuale dipende dal valore dell'immobile stesso e viene calcolata in base al riferimento catastale e al numero di anni di esistenza dell'immobile. Trattandosi di un'imposta comunale, ogni comune stabilisce le proprie quote. Una sentenza della Corte costituzionale del luglio 2018 e della Corte suprema ha annullato il pagamento di questa imposta da parte del contribuente in caso di vendita in perdita, ma ha lasciato la porta aperta alla sua riscossione quando si tratta di profitti.

 

D'altra parte, l'acquirente ha anche una serie di tasse da pagare. Hai un massimo di 30 giorni lavorativi dalla data degli atti per effettuare il pagamento. Se si tratta di un immobile di nuova costruzione ed è la prima vendita effettuata dal costruttore, l'IVA deve essere pagata. L'IVA corrente per l'acquisto di case è pari al 10% dell'importo dell'acquisto, una casa sovvenzionata è tassata solo al 4%.

Se l'immobile è una seconda vendita, verrà applicata l'imposta sul passaggio di proprietà, tra l'8% e il 10% (a seconda delle Comunità) del prezzo di acquisto o del valore fiscale determinato dall'Agenzia delle Entrate per quella località.

Infine, l'acquirente dovrà pagare l'imposta di bollo. La percentuale, compresa tra lo 0,4% e lo 0,75% dell'importo, dipende anche dall'importo rogito.

Infine, a seconda del caso specifico, potrebbe essere necessario pagare altri pagamenti, come il catasto, l'agenzia, la perizia e altre spese.

 

  1. Presentazione del documento nei Registri Pubblici 

Una volta pagata l'imposta, la copia cartacea dell'atto verrà presentata al Catasto per la registrazione. Può essere organizzato dal notaio o può essere fatto di persona. L'acquirente registrerà l'immobile a suo nome, e gli verrà consegnata copia dell'atto, con la prova del pagamento dell'imposta, e il cambio di nome.

I seguenti documenti devono essere presentati al registro:
- Copia autorizzata dell'atto pubblico.
- Prova del pagamento dell'imposta corrispondente.
- Ultima ricevuta IBI.
Con tutti questi documenti, l'anagrafe effettua i controlli necessari ed entro un periodo di circa tre settimane.

Gli onorari del notaio sono a carico dell'acquirente. Questo è l'atto di compravendita e se hai richiesto un mutuo, devi pagare entrambi gli atti, oltre a pagare la perizia dell'immobile.

 

  1. Passaggio di proprietà

– Cambia le utenze, come acqua, elettricità, gas e altre che riguardano la casa, a tuo nome. Nel caso di alloggio diretto da parte del promotore, assicurarsi che fornisca anche i bollettini per la contrattazione di acqua, elettricità e gas.

– Recarsi dal presidente o dall'amministratore della comunione dell'immobile per identificarsi come nuovo proprietario, informarsi sulla situazione attuale e fornire un indirizzo per l'eventuale notifica.

– Conserva tutti gli atti, i documenti, il Certificato di Efficienza Energetica, le fatture, le ricevute e le garanzie relative al tuo acquisto, in quanto potresti averne bisogno se decidi di venderlo.

- Verificare la proprietà nel catasto. Dovrai solo aspettare di ricevere la lettera di conferma del cambiamento, nella tua residenza abituale entro 6 mesi.

(0) (0)
Il nostro sito Web utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza utente. Utilizzando il sito Web, confermi di accettare l'uso dei cookie in conformità con la nostra politica sulla privacy.   Per saperne di più